in

A che punto è la transizione ecologica nel terzo settore toscano

Il mondo del terzo settore, con i suoi volontari, è al centro del percorso di sviluppo sostenibile che (anche) la Toscana è chiamata a fare per raggiungere i 17 obiettivi di sviluppo sostenibili fissati dall’Onu con l’Agenda 2030.

Al centro per due buoni motivi: il primo richiede un impegno trasformativo in prima persona, per rendere gli enti del terzo settore al passo con lo sviluppo sostenibile. Il secondo, ancora più impegnativo, si configura nel volontariato come soggetto attuatore di questo cambiamento nella collettività.

Un doppio percorso che ha visto il Centro servizi volontariato Toscana (Cesvot) promuovere un apposito corso di formazione, messo in campo col sostegno di Legambiente Toscana e ASviS (l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile) e ormai giunto alle ultime battute.

L’occasione per tirare le fila arriverà il 6 dicembre, attraverso il seminario La transizione ecologica nel terzo settore toscano. Criticità e opportunità, gratuito e aperto non solo ai corsisti ma a tutti i candidati da enti del terzo settore iscritti al Runts e all’anagrafe delle onlus, con volontari e sede in Toscana.

L’appuntamento si svolgerà online per favorire l’accessibilità al seminario, proponendo un approfondimento di due ore (dalle 17 alle 19), grazie ad esperti di primo piano.

Manlio Calzaroni (responsabile dell’Area ricerca in ASviS) inquadrerà a che punto è la Toscana nel percorso delineato dall’Agenda 2030, cui restano solo sette anni per arrivare a compimento; il focus su transizione ecologica e terzo settore sarà a cura di Fausto Ferruzza (presidente Legambiente Toscana), accompagnato dai rappresentanti di una virtuosa realtà del fiorentino (Massimo Basetti e Mauro Torricini per il circolo Arci Isolotto “Paolo Pampaloni”); don Andrea Bigalli offrirà uno spaccato sull’ecologia integrale di Papa Francesco, condensata nell’enciclica Laudato Si’, mentre gli esiti del corso di formazione Cesvot saranno delineati dal responsabile del Settore formazione, Riccardo Andreini.

Anche la nostra redazione parteciperà al seminario, col direttore Luca Aterini chiamato a moderare l’appuntamento, mentre Eleonora Cerulli curerà per Cesvot il ruolo di tutor online.

Sono fino a 60 i posti disponibili per partecipare al seminario, e gli ultimi rimasti potranno essere prenotati fino a lunedì 4 dicembre. L’iscrizione è obbligatoria e gratuita e potrà essere effettuata solo online, compilando l’apposito modulo disponibile sul sito di Cesvot previa registrazione all’area riservata MyCesvot.

L’articolo A che punto è la transizione ecologica nel terzo settore toscano sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di GREENYTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Greenytop!

What do you think?

Written by redazione

Legge per il ripristino della natura, via libera in Ue ma l’Italia vota (ancora) contro

L’allerta meteo arancione in Toscana si fa più ampia, attenzione sul nord-ovest