in

Circonomia, la Toscana è la quinta Regione più sostenibile d’Italia

Nel percorso di avvicinamento agli obiettivi di sviluppo sostenibile che l’Italia si è data al 2030, la Toscana rientra nel gruppo delle Regioni italiane più avanzate.

È quanto emerge dal rapporto presentato oggi a Circonomia, il Festival dell’economia circolare e della transizione ecologica in corso a Fano, promosso tra gli altri da Eprcomuniczione e Kyoto club.

Il rapporto, curato da Duccio Bianchi – fondatore dell’Istituto di ricerche Ambiente Italia – propone un ranking che mette in classifica le regioni italiane sulla base di un set di 25 diversi indicatori green: 6 a tema “impatto sull’uso delle risorse”, altrettanti su “efficienza d’uso delle risorse” e 13 indicatori in merito a “azioni di risposta e mitigazione” (sia pubblica sia privata) alla crisi energetica e climatica.

Da quest’articolata classifica emerge in prima posizione il Trentino Alto Adige, seguito da Marche, Lombardia, Veneto e appunto Toscana, per poi proseguire con Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Emilia Romagna, Piemonte, Abruzzo, Umbria, Calabria, Campania, Basilicata, Sardegna, Sicilia e Puglia.

La macro-regione del Centro è l’unica che fa meglio della media nazionale in tutte e tre le categorie degli indicatori (impatto, efficienza, risposta), mentre Valle d’Aosta e Molise non figurano nel ranking in quanto, per le dimensioni ridotte, presentano dati non comparabili con quelli delle altre regioni, ma sono invece compresi nelle rispettive macro-aggregazioni (rispettivamente Nord-Ovest e Sud).

«Serve uno scatto in avanti che coinvolga tutti i territori – commenta il direttore del Festival, Roberto Della Seta – solo così potremo essere al centro del green deal e che non solo è indispensabile per fronteggiare la crisi climatica ma è una grande occasione di innovazione tecnologica e competitività economica. Come mostrano tanti esempi concreti, ‘convertire’ all’ecologia produzioni e consumi non è soltanto necessario per l’ambiente: è anche utilissimo a rendere più moderna e competitiva l’economia, a creare lavoro, a migliorare la vita quotidiana delle persone».

Scorrendo la classifica salta infatti all’occhio come lo sviluppo economico, di per sé, non sia “insostenibile” a prescindere. In testa al ranking spiccano infatti le regioni del centro-nord, con un Pil procapite più elevato rispetto al sud e in molti casi con un’alta densità manifatturiera.

L’articolo Circonomia, la Toscana è la quinta Regione più sostenibile d’Italia sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di GREENYTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Greenytop!

What do you think?

Written by redazione

Costa d’Avorio, da Eni nuova maxi scoperta fossile da 1,5 mld di barili di olio equivalente

Dalla Russia all’Algeria, cambia fornitore ma l’Italia resta dipendente dal gas fossile