in

Clima, è necessario cambiare per costruire un futuro sostenibile

Nei giorni scorsi, il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc) delle Nazioni Unite ha diffuso il rapporto annuale sul clima “The synthesis report”, in cui emerge la conferma del riscaldamento del pianeta che in pochi anni ha prodotto fenomeni calamitosi, dalla siccità fino alle inondazioni, tali da aumentare di 15 volte il numero delle vittime.

Il rapporto lancia un allarme e un avvertimento: o nei prossimi anni sarà contenuto un ulteriore aumento delle temperature o si rischia di produrre danni irreversibili.

Per farlo serve ridurre le emissioni da combustibili fossili e, quindi, si rendono necessarie misure urgenti che riducano e sostituiscano quelle fonti energetiche con altre più sostenibili.

È un impegno che, di fronte all’enormità del rischio, non può che essere prioritario, di conseguenza occorre spingere i Governi ad accelerare la transizione verso altre fonti di energia pulite e rinnovabili.

Di fronte a questa necessità, diverse istituzioni stanno assumendo impegni e fissando obiettivi.

In questo senso, dunque, vanno le misure assunte dall’Unione Europea, che fissa nel 2035 la data per cessare la produzione di auto con combustibili fossili, diesel e benzina, e che impone l’efficientamento energetico degli edifici.

E in questo senso vanno anche le misure assunte dal Comune di Milano per disincentivare l’utilizzo dell’auto privata e favorire l’uso dei mezzi pubblici: Area C e Area B non sono altro che questo, così come la diffusione dei mezzi di trasporto in sharing (biciclette, auto, monopattini), le piste ciclabili e le nuove linee metropolitane in costruzione.

Se lo scenario che abbiamo davanti è quello descritto dagli esperti dell’Onu, l’atteggiamento di chi a parole si dichiara attento all’ambiente ma poi, di fronte a misure impegnative come queste, difende l’esistente è sbagliato e pericoloso.

Ognuna delle misure può essere migliorata ma il principio deve essere quello di cambiare tutto ciò che inquina e contribuisce al riscaldamento del pianeta. La situazione non consente mezze misure o un eccesso di gradualità.

Il tema della chiusura entro il 2035 della produzione delle auto alimentate con combustibili fossili è emblematica.

Bisogna fare di una necessità, come quella di ridurre l’inquinamento, un’occasione per riconvertire le attuali produzioni, orientandole verso le auto elettriche o alimentate da altri combustibili non inquinanti.

Difendere l’esistente è la strada più comoda ma è anche quella dannosa per l’ambiente e perdente nella gara, che sarà quella dei prossimi anni, a ricercare e produrre nuove tecnologie non inquinanti e sostenibili.

È, invece, utile mettere in campo ricerca, risorse e incentivi per aiutare l’intero comparto a riconvertirsi verso la produzione di auto non inquinanti, innovando e salvaguardando aziende e posti di lavoro che, altrimenti, non avrebbero comunque futuro.

Su questi temi, dunque, si confrontano due idee.

Una è quella di chi preferisce difendere l’esistente, anche se ciò significa restare inermi di fronte ai cambiamenti climatici e accettare di convivere con un inquinamento che nuoce alla salute e, concretamente, di sostenere i costi anche economici del caro energia e di vivere in case che disperdono calore e inquinano col riscaldamento.

L’altra idea è quella che guarda al futuro e che mette in campo, da subito, misure che, nell’insieme, possono ridurre l’inquinamento, migliorare la qualità dell’ambiente, difendere la salute e aprire opportunità di impresa e di lavoro straordinarie.

Quest’ultima strada è indubbiamente la più utile da seguire: serve intervenire concretamente sullo sviluppo, orientando le scelte affinché si possa agire in modo sostenibile per l’ambiente e cambiare in meglio abitudini e comportamenti – così come è successo con la raccolta differenziata – per migliorare la vita di tutte e tutti.

di Franco Mirabelli, senatore della Repubblica, per greenreport.it

L’articolo Clima, è necessario cambiare per costruire un futuro sostenibile sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di GREENYTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Greenytop!

What do you think?

Written by redazione

Sarà Livorno il primo porto italiano a sperimentare la navigazione autonoma, grazie al 5G

Rinnovabili, l’Ue raggiunge un accordo provvisorio al ribasso sulla nuova direttiva Red