in

Uccelli, sono 66 le specie forestali nidificanti nel nostro Paese

Bruno Massa, già professore ordinario all’Università degli Studi di Palermo e tra i più bravi biologi, entomologi e ornitologi del Paese, è autore di un recentissimo e importante lavoro di “ornitologia forestale” in ambito mediterraneo. Analizziamone un breve estratto in lingua italiana. 

Long-term trend of Italian breeding forest birds and comparison with the other Mediterranean peninsulas è il titolo dell’articolo da poco pubblicato su BiogeographiaThe Journal of Integrative Biogeography, la rivista scientifica della Società italiana di biogeografia.

“Trend a lungo termine degli uccelli forestali nidificanti italiani e confronto con le altre penisole mediterranee” è un lavoro che illustra, grazie ad un’approfondita e acuta indagine da parte dell’autore, la bibliografia disponibile che descrive lo stato degli uccelli forestali nidificanti in Italia nell’arco di 15 decenni (1872-2022), col fine di stabilire una tendenza oggettiva a lungo termine (stabile, in aumento, in diminuzione, ecc.).

Il numero di uccelli forestali nidificanti in Italia ammonta a 66; la loro distribuzione, con poche eccezioni, indica che sono diffusi in Eurasia, ma solo una piccolo percentuale di specie forestali eurasiatiche ha colonizzato l’Italia e le altre penisole mediterranee, ossia 55 nella penisola iberica e 71 in quella balcanica; una piccolo percentuale di esse (tra il 19,7 e il 22,5%) appartiene a migratori trans-sahariani, e tra il 29,6 e il 40,0% aumenta le proprie popolazioni in inverno.

La somiglianza tra le specie forestali delle tre penisole (iberica, italiana e balcanica) risulta tra 0,44 e 0,48, indicando una certa differenza nell’avifauna complessiva dei tre territori. Non tutte le specie sono penetrate verso sud nelle tre penisole; ad esempio, alcune che si sono fermate sulle Alpi italiana sono invece arrivate nelle foreste della Grecia, a una latitudine corrispondente all’Italia meridionale, oppure specie che in Italia si sono fermate sull’Appennino settentrionale nelle altre due penisole sono invece arrivate molto più a sud.

La penisola iberica e l’isola di Corsica ospitano tre specie endemiche tra gli uccelli forestali nidificanti, mentre le penisole italiana e balcanica non presentano alcun endemismo.

Nel complesso, oggi l’avifauna forestale mediterranea non è diversa da quella europea, ma impoverita, molto probabilmente perché la regione mediterranea si trova al margine sud-occidentale dell’Eurasia.

La quasi assenza di specie endemiche tra gli uccelli delle foreste mediterranee è inaspettata, soprattutto se si considera quante piante endemiche ci sono e quante opportunità hanno avuto le specie di isolarsi.

Tuttavia, dalla ricostruzione qui fatta si comprende che l’avifauna delle foreste dell’Europa mediterranea è di origine abbastanza recente ed è il risultato dell’isolamento delle popolazioni eurasiatiche durante le glaciazioni, quando la penisola italiana (insieme a quelle iberica e balcanica) rimase rifugio isolato per la fauna e la flora.

Gli effetti di ogni glaciazione sulla fauna sono stati annullati da quella successiva, così che l’ultima glaciazione spiega i modelli di distribuzione e diversificazione dell’attuale avifauna forestale.

La maggior parte delle specie si è stabilita definitivamente durante l’ultima glaciazione e può essere considerata in questo senso come un relitto glaciale. Una parte delle specie che hanno colonizzato la penisola balcanica, hanno a loro volta colonizzato la penisola italiana attraverso la via transadriatica e sono quindi assenti dalle Alpi.

Tuttavia, quelle che si sono differenziate dalle popolazioni nord-orientali sono da considerarsi taxa neo-endemici, risalenti a circa 18-20.000 anni fa. Questo lasso di tempo è stato sufficiente per la differenziazione di popolazioni isolate. Ciò è avvenuto nella penisola iberica, in Sicilia e probabilmente sugli Appennini.

Solo la penisola iberica presenta due specie endemiche, che si sono isolate a causa della barriera pirenaica e per il fatto che la penisola iberica è l’estremo vertice sud-occidentale dell’Eurasia, separata dal Nord Africa dallo Stretto di Gibilterra.

Rimane del tutto ignoto cosa sia successo nel sistema sardo-corso, che, pur essendo molto antico, ospita attualmente solo poche popolazioni differenziate di alcune specie forestali di uccelli, a eccezione del Picchio muratore corso, specie endemica della Corsica e assente altrove, imparentata con il Picchio muratore algerino (Cabilia) e il Picchio muratore di Krüper (Turchia, Caucaso e isolotto di Lesbo).

Merita di essere menzionata brevemente un’altra specie della foresta mediterranea, il picchio di Le Vaillant dell’Africa nord-occidentale, appartenente al gruppo dei picchi verdi e isolatosi nel Maghreb, probabilmente alla riapertura dello Stretto di Gibilterra intorno a 5 Mya.

Questo picchio e le tre specie di picchio muratore sopra citate sono senza dubbio tra le specie forestali più antiche del Mediterraneo e possono essere considerate taxa paleo-endemici.

I contenuti di questo contributosono stati estratti dal lavoro scientifico: “Long-term trend of Italian breeding forest birds and comparison with the other Mediterranean peninsulas” pubblicato interamente in lingua inglese, consultabile e/o scaricabile da “eScholarship – Open Access Publications from the University of California” –https://escholarship.org/uc/item/1336z65z. Ringrazio l’amico Bruno Massa per aver gentilmente messo a disposizione il materiale affinché io potessi divulgarne le parti salienti di quello che ritengo un importante contributo alla conoscenza storica e moderna dell’ornitofauna forestale del Mediterraneo.

Nel collage fotografico a corredo dell’articolo viene rappresentato quanto segue: due specie di picchi rinvenute fino all’Italia meridionale: il picchio nero (in aumento) (6a) e il picchio rosso mezzano (non comune, ma stabile per lungo periodo) (6b); la balia dal collare, specie transahariana che nidificasull’Appennino, fino alla Calabria, dove si trovano i siti di nidificazione più meridionali d’Europa (6c); il lucherino euroasiatico (6d), generalmente legato alle conifere (pino nero nella foto), recentemente beneficiato di rimboschimenti con specie esotiche; un crociere maschio (6e): è evidente il becco massiccio e il piumaggio scolorito rispetto agli individui nordeuropei; la sottospecie siciliana del codibugnolo Aegithalos caudatus siculus (6f), nettamente differenziata dalle popolazioni peninsulari italiane (foto da 6a a 6e: Calabria, Parco della Sila, di Gianluca Congi; foto 6f: Sicilia, Ficuzza, di Mathia Coco).

L’articolo Uccelli, sono 66 le specie forestali nidificanti nel nostro Paese sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di GREENYTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Greenytop!

What do you think?

Written by redazione

Dalla Commissione Ue nuova normativa per il riutilizzo delle acque reflue in agricoltura

Economia e ambiente, al via la call for paper per la conferenza annuale di Seeds