in

Un terzo dell’import italiano di petrolio e gas naturale liquefatto è a rischio Houthi nel Mar Rosso

Il Consiglio Affari esteri dell’Unione europea sta discutendo oggi della possibilità di sostenere la missione militare navale Aspides nel Mar Rosso – con in prima fila Italia, Francia e Germania – per difendere i flussi commerciali nell’area dagli attacchi condotti dagli Houthi.

Dal Canale di Suez transita il 12% del commercio mondiale, mentre la quota dell’import-export marittimo italiano che attraversa questo stretto di mare è del 40%, per un totale di circa 154 miliardi di euro. La partita principale? Sono le fonti fossili, come evidenzia un’analisi diffusa oggi da Greenpeace.

«La missione militare europea a protezione della libertà di navigazione nel Mar Rosso discussa oggi dal Consiglio per gli Affari Esteri dell’Unione è l’ennesimo intervento armato del nostro Paese a tutela delle fonti fossili. La crisi in corso rivela il fallimento delle politiche di diversificazione avviate dal governo italiano sull’onda della guerra in Ucraina, che hanno continuato a puntare sul gas anziché sulle rinnovabili», afferma Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia.

Secondo i dati di FederPetroli, circa il 27% del nostro import di greggio transita dall’area interessata dal conflitto. Ancora maggiore la quota di gas naturale liquefatto (Gnl): dei circa 55 miliardi di metri cubi di gas importati dall’Italia nel 2023, 18-20 miliardi passano via nave per quella rotta, pari a circa il 34%. Insomma, circa un terzo del nostro approvvigionamento di gas e petrolio si trova oggi nel mirino degli Houthi.

E questo perché la “diversificazione” italiana in risposta all’invasione russa dell’Ucraina non ha puntato sulle energie rinnovabili, ma si è limitata a cambiare fornitore di gas e petrolio, ignorando i rischi ambientali e geopolitici connessi.

«Dal 2021, Greenpeace denuncia che circa il 64% della spesa per le missioni militari italiane è legato alla difesa di asset e rotte del petrolio e del gas, nonostante gli impegni per la decarbonizzazione annunciati dal nostro governo», continua Giannì: «Invece di lavorare per un futuro sostenibile, l’Italia ha puntato solo a fare scorta di gas e petrolio, senza preoccuparsi né dell’emergenza climatica in corso né dei rischi geopolitici in gioco. Se avessimo investito massicciamente nelle fonti rinnovabili, oggi non rischieremmo una nuova crisi energetica».

L’articolo Un terzo dell’import italiano di petrolio e gas naturale liquefatto è a rischio Houthi nel Mar Rosso sembra essere il primo su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di GREENYTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Greenytop!

What do you think?

Written by redazione

Legambiente Livorno rinnova il direttivo, al via il ticket Golfarini-Ferrà

Clima, comunque vada i ghiacciai alpini perderanno almeno un terzo del volume al 2050